timbro il biglietto,salgo,e vado via…e la mia valigia non pesa niente

un profondo enorme dolore e senso d grandissima delusione.in un attimo dalla regina di cuore,ti rendi conto d essere la principessa d’aria fritta.di quel fritto nell’olio schifoso che ha un odore rancido.un po’come il tuo corpo sudato ed il tuo alito da uno cha ha bevuto,e che da quella bocca ha sputato non solo parole d fuoco ma grandi verita’mischiate a vino birra e stupidita’.la tua la mia,quella dell’amore in generale che poi non esiste nemmeno.

ho fatto le valigie ed adesso sono pronta ad andarmene.non m interessa nulla del mare e delle ferie,delle scuse,delle chiamate,di cio’che porto dentro,e di cio’che m fa’sorridere al solo ricordo.le serate,le dolcezze le promesse.tutto volato via.

ieri dopo anni che non mi capitava pensavo di morire.morire d infarto e di dolore.e l’avrei voluto,m sentivo intrappolata,m sentivo sola,m sentivo muta…o un mondo sordo che non capiva il mio grido. ho avuto un attacco d panico,una crisi isterica che nn riuscivo a controllare.la pazzia e la sua calma,in un attimo.a colpi di schiaffi….

pensavo d amare,di amare te ed lui.di amarvi da matti.e nn poter essere felice se non vi avevo con me.con i vostri difetti ed i pregi.la vostra comprensione affettiva ed il vostro calore sessuale.un mix perfetto che m rendeva viva.

ma poi ieri m sono accorta che in realta’io sono morta,ma morta gia’da tempo.e che non porto nulla d buono,nella mia e nella vostra vita… adesso me ne’vado e non voglio essere cercata.vi saluto con una profonda amarezza…

quella d un adolescente non capita,di un bimbo lasciato solo nel buio o di una donna tradita che spera di rifarsi una vita,a colpi di autolesionismo e di crescita interiore.

e dire che sabato io m sentivo dentro che qualcosa sarebbe cambiato….

devo sempre ascoltare la mia pelle ed il mio cuore,non si sbagliano mai.