sto’da cani…sto’da cani…sto’da cani..da cani..cani cani cani cani

DIstrazione

sto’da cani…

sto’da cani…sto’da cani..da cani..cani cani cani cani cani

cazzo

arrabbiata

niente 

idiota

 

sono io…m sento vuota..

non so’come esprimere il dolore….

la rabbia

la rabbia e’tanta perche’non posso farci niente..

perche’m vedo uno schifo…..perche’vorrei mangiare e vomitare

vorrei mangiare fino a scoppiare e vorrei vomitare per svuotarmi d tutto compreso me 

me stessa

ossa muscoli pelle nervi viscere emozioni unghie capelli peli tagli saliva liquidi…

liquidi che bevrei…

bevrei tutto quello che s puo’bere e li’parlerei e m sfogherei..

solo nell’alcol posso sciogliere questa corazza dura…

fatta d pelle dura ed emozioni che sembrano cavalli che nn s dominano….non quelli cavalcati dalle fighe con pantaloni bianchi e stivali sopra al ginocchio.

e’morta mia nonna porca troia..medea e’morta hai capito o no?o no che non c’e’piu’e che domani dovrai affrontare tutto quello che t spaventa maggiormente? quel gradino che non hai ancora superato ma continui a dire al mondo: SI S STO’BENE,E’UN PERIODO BELLISSIMO,FINALMENTE STO’BENE CREDO IN ME STESSA E M SENTO MOLTO FORTE,SONO RIUSCITA A GUARIRE.SONO RIUSCITA AD AMARMI E AD AMARE,E NON ESSERE PIU’ARRABBIATA,E CIO’SI VEDE ANCHE DALLE MIE FOTO.

tutte calzate maledette,tutte maledette cazzate che dco a tutti e ame stessa.

non sto’bene,faccio solo finta.m giro dall’altra parte,faccio spalluccie e credo che tutto sia sole cuore amore..

amore e merda e morte e solitudine e ssilenzio,un silenzio cosi’forte che e’pari ad urlo,un urlo sordo ma che sentono in pochi…un sonar,come s scrive?come parlando le  balene,no?le balende cosi’grandi che mangiano neanche gamberetit.un po’come me…

m prude il corpo,sono giorni,ho mille punture in giro e non so’perche’..il mio corpo si sta’ribellando a qualcosa…  a mstessa ed al sangue che scorre e a questa anima pesante.sono pesante ed il grasso non c’entra….

non so’cosa faro’,non so’cosa diro’,probabilmente piangero’…. piangero’in silenzio senza farmi vedere da nessuno come faccio spesso. sorridero’alla luce del sole staro’da cani..cani cani..cani in realta’…

i cani che stanno meglio d me… 

porco dio,dio porco porco porco porco…dio dio dioooo ma dio c sei o no???io t mangio cazzo!!!t mangio e poi mi ficco due dita in gola..e sto’li a guardare cosa scorre nel cesso…. m sento una merda ma so’che non e’colpa mia se lei se ne’andata ma e’colpa mia che non so’amare e stare vicino alle ppersone ed accettare un sentimento buono che viene da me… aiuto… 

per favore qualcuno mi aiuti…

nonna…

e’un po’che non scrivo..e non perche’non abbia niente da dire..ce ne’sono d cose da dire e per fortuna tante belle….e’un periodo sereno,con le foto,con me stessa,con l’amore… l’unica nota negativa e’la salute e un allergia che continua a farmi dannare.. medicine che non funzionano e che mi ingrassano,gli acari che rendono il mio viso gonfio e per me che vivo anche grazie a questa estetica non da buttare,e’una grande scocciatura.sei giovene e bella con tante foto da fare,e poi tutto d’un tratto t ritrovi a combattere con il peso e le paranoie che comporta,vecchi fantasmi che ritornano,con un gonfiore per un allergia idiota che m fa’scegliare ogni mattina con la paura di non riconoscermi allo specchio… una gran rottura ma dopotutto non e’grave no? cose gravi sono altre…

perche’ho voluto scrivere oggi?

semplice…

oggi una parte del lungo libro della mia vita,un capitolo di esso,si e’chiuso.si e’spento.

ho saputo da qualche ora che mia nonna e’stata male,e se ne’andata.se ne’andata in pochi minuti,proprio il giorno della festa della mamma….

strano,mio nonno e’morto 4 anni fa’quasi il giorno del compleanno d mia nonna,lei in questa festa..e’una maledizione questa?la mia famiglia deve andarsene in una giornata segnata d rosso sul calendario?non lo so’..

so’solo che sono rimasta di stucco…

se ne’andata anche lei e con lei i miei nonni non c sono piu’,tutti.con le si e’spenta la casa,si e’spento il campo,le vigne,la fontana,il freddo del pavimento,il coniglio in pentola,quel divano e quella coperta.si e’spenta la sua voce,i suo commenti,il suo respiro,si e’spento il mio io da nipote,da bambina,da anatroccolo coccolato,da anatroccolo non capito ma amato.

con lei si e’spenta la mia infanzia,le estati laggiu’,tutto quello che ho vissuto e che mi continua a battere nel cuore…. 

  m ricordo quando un giorno mi disse che tutto d’un tratto mio nonno,mentre lei stava cucinando,l’abbraccio da dietro e gli disse: Maria…. sono felice di stare ancora con te sai?se tornassi indietro rifarei tutto da capo… ti prego non voglio che te ne’vai prima di me,perche’non posso stare senza di te…

poi la bacio’..

e mia nonna quando me lo disse sorrideva ed io mi emozionai tantissimo,ridendo e sbattendo le mani come una figa quando guarda un bellissimo paio d scarpe… …. c guardammo e sorridemmo come due amiche cosi’vicine… cosi’complici come il 28 anni non e’mai successo…

mio nonno se ne’andato… ed anche lei…

e la porta si chiude,il capitolo si chiude…..

non c’e’piu’lei,la casa,il giardino,le vigne,il coniglio in pentola,la risata,il divano,la sua voce… le sue critiche ed il suo amore….

cosa faro’adesso…? cosa faro’… avro’due angeli che mi guardano lassu’ e m sentiro’sempre  sotto giudizio,con la paura d sbagliare nel far vedere a loro la vera Medea… spero di renderli orgogliosi…

 

 

buon giorno nonna……

 

ali,radici,amore immenso,ed immensa gratitudine

-dobbiamo seguire il cuore  e lasciare perdere tutto,per essere piu’felici e godere dei nostri momenti insieme.sbaglio anch’io e tu lo sai,ma non preoccuparti per questo,tu sei la mia bambina e ti voglio un mondo di bene.non farmi soffrire troppo.-

questa sera ho avuto un dolce ed intenso scambio di messaggi con mia madre.in realta’ho inziato io scrivendo a mio padre,per chiedergli scusa.scusa per tutte quelle volte che li vado a trovare e scappo via subito,che li affronto con un amore completamente soffocato dalla tristezza e dalla rabbia,quella rabbia per anni di sofferenze e di cose non dette,o dette troppo ad alta voce.coltelli che seppur sono stati tolti dal petto,continuano a ferire. sono ferita,sono incazzata,sono..sono arrabbiata.sono distrutta.sono pentita,sono…sono immersa in una miriade di sentimenti contrastanti che girano intorno a loro.il sole,la terra,la luna,il pianeta,la vita stessa.loro. un argomento cosi’grande che m riempie le budella,mi fa’piegare lo stomaco,battere il cuore.far scendere lacrime dagli occhi,lacrime che sanno di tutto,sanno di sentimenti schiacciati che cercano d fuggire sotto forma liquida.

non riesco ad affrontarli e fuggo,li vado a trovare con tutte le piu’buone intenzioni ma appena entro da quella porta qualcosa m fa’rinchiudere nel mio nido e…sto’male. vedo loro invecchiare ed io che non posso farci niente.sento il silenzio di quella casa,i suoi odori,le sue pietanze cosi’piccole,le loro mosse cosi’lente…il loro grande amore che non merito,non sento d meritare. mi sento una persona terribile davanti a loro…. ed e’cosi’difficile per me affrontarli che non vedo l’ora di tornare a Milano… ed ogni volta che mi metto in macchina e li saluto,devo voltarmi in fretta per cercare di non piangere,di non farmi vedere.

mi mancano e mi mancheranno sempre,abbiamo sbagliato entrambi tante volte e ancora.ma il mio amore per loro e’una cosa..una cosa indescrivibile. mi dispiace..mi dispiace tanto… siete delle persone magnifiche,ali e radici…che mi abbracciano..danno un senso a tutto.

la prossima volta Medea cerca di farcela…. fai uscire fuori c’ho che hai….fallo……

questi messaggi hanno dato una piega agro dolce a questa giornata particolare.tra poco andro’a dormire,e sapro’di non essere sola.sono una maledetta bambina capricciosa ricca d’amore e di blocchi immensi,che si nascondono dietro ad un sorriso,ad una pelle mostrata a troppi ed un cuore mostrato a pochi.

Immagine

.La filofobia (dal greco “φιλος” (amore), e “φοβία” (fobia)) è definita come la paura persistente, ingiustificata ed anormale di innamorarsi o di amare una persona. Secondo alcuni autori una conseguenza comune della filofobia è l’anoressia sentimentale dal suffisso privativo greco “an” e dal verbo greco “orao”: mancanza di desiderio, in questo caso sia sentimentale che sessuale.

sesso amore bellezza desiderio solitudine

e’un po’che non scrivo in questo blog,sara’che ero occupata a vivere come gia’vi dissi. sto’bene,si il problema patente non e’risolto ma quando capita,il giorno dopo t svegli e credi che tutto sara’un casino..ma non e’cosi’,ci si piega,ci si rialza,e si capisce che non e’poi difficile camminare di nuovo.quando si impara a farlo,e quando s vuole,uno non puo’smettere d farlo.niente e nessuno t puo’uccidere se tu non lo vuoi.

ho deciso di riprendere in mano questa penna virtuale,perche’sono arrabbiata e stufa,e delusa e quando sento queste emozioni devo scrivere,e’ l’unica medicina.

cosa c’e’che mi turba oggi?qualcosa che mi turba da anni,una maledetta croce che magari tante donne vorrebbero portare al posto mio.e’per questo so’che ricevero’una valanga di commenti del cazzo,ma faccio spalluccie e continuo a dirvi cosa sento… e sento di essere stanca,di tutto l’amore,e tutta la bellezza,di tutto sesso e la Voglia che m porto dentro.sento di essere stanca che gli altri annusino cio’e ne’vengan rapiti.  sento d essere stanca di perdere le persone per colpa dell’amore e della voglia,quando dalla mia parte vi e’solo amicizia ed il desiderio d potermi affezionare senza aver paura che questa persona voglia qualcosa in cambio,o che se ne’vada ad un certo punto,perche’non riesce piu’ a reggere un rapporto che si basa su emozioni diverse.

in vita mia ho praticamente solo avuto amicizie maschili,parlero’del mio amore ed odio verso le donne,magari un altra volta…..Pero’,la mia preferenza per il sesso maschile vi e’sempre stata gia’da quando ero bambina.adoravo uscire con i miei amici maschi,giocare a calcio,rincorrerci da bimbi quando non esistevano differenze tra guardie e ladri,parlare di ragazze poi,d porno dopo,di esperienze,farci bevute fino al mattino,fare stronzate insieme,vedere il mondo con meno stupidate,e parlare d figa e d arte e di motori e di nulla d intelligente,cosa che non riuscivo a fare con una ragazza….perche’troppo problematica,troppo noiosa,troppo scontata,troppo…lantentemente insopportabile per una come me,che le donne le ha sempre viste come un grosso ostacolo,da quando ero bambina.anch’io per me me stessa alle volte,lo ero,un grosso ostacolo.detto cio’,la mia vita era circondata da maschi,conoscevo piu’piselli che vagine. e’per quello che il mio corpo e tutti i suoi misteri,sono parsi a me come delle grandi novita’da vivere in solitudine senza la possibilita’di confrontarmi.solo piu’tardi ho scoperto d non essere la sola a vivere determinate cose.e d avere comunque una parte femminile accentuata… anche se tendevo a nasconderla. Poi l’essere femmina mi ha rapito..femmina fuori.uomo dentro..ma con del fascino che un maschio etero spesso percepiva.annusava da lontano…. e cosi’le mie amicizie che credevo tali,hanno inziato a trasformarsi. quante persone ho perso,ragazzi che credevo amici,ma stavano insieme a me solo per desiderio o amore.desiderio d’avermi sessualmente,o invaghimento affettivo che li rendeva pazzi,talmente pazzi da recitare la parte d amico pur d stare al mio fianco.ma dopo un po’le mutande scoppiano,il cuore scoppia,tutto scoppia… ed io torno ad essere sola.

una vita fatta di divorzi da proprio amici/non amici… solo perche’loro provavano d piu’ed io di meno..quante volte,quante.. e succede ancora adesso….. ecco perche’sto’scrivendo,e quindi sto’male.soffro del fatto che non posso essere libera d amare e di aprirmi con una persona,senza la paura che essa poi possa volere qualcosa in piu’… sembra un discorso egoistico e stupido.lo so’,ci sono donne che pagherebbero per avere questi problemi e uomini che con rabbia possono dirmi”beh certo,se fai certe foto”… ma questo non c’entra o almeno,posso essere piacente e fare foto di nudo,ma resto comunque una persona che ha bisogno d’amore vero,senza altri interessi,qualcuno che voglia bene a me,non a Medea Teixeira,e che riesca a farmi veramente aprire e prendere di me tutto il buono ed il brutto,accoglierlo con purezza,conservarlo,proteggerlo e ridere con me,piangere con me,fare tutto insieme a me…ma senza,senza voler qualcosa in piu’. e’possibile odiare cosi’tanto la bellezza e l’amore,ed il sesso..?e’possibile?perche’io lo sto’odiando…perche’queste cose mi rendono sempre maledettamente sola.

quindi urlo e mi incazzo e mi rialzo,ricomincio e cerco.cerco qualcuno in grado di darmi affetto senza scopi,che vi sia per sempre.che non senta il mio odore,che non veda alcuna bellezza se non quella interiore.che ci sia,cazzo,ci sia e non m guardi in una certa maniera,che non mi tocchi cosi’,che non mi vizi troppo,che non mi faccia regali importanti.. che m mandi al diavolo se lo tratto male e che non me le perdoni tutte come fa’un innamorato… chiedo troppo?si chiedo troppo? chiedo un amico,un padre,un complice che m ami senza darmi responsabilita’,forse non sono gli altri a mentirmi ..sono io che chiedo cose impossibili.

inizio questa settimana facendomi delle domande,e perdendo delle persone..per non soffrire dopo,prima,durante. meglio una solitudine sincera che una compagnia falsa?sono in grado di sopravvivere?… e dire che ad ogni persona lascio qualcosa di me,e’facile sentirsi svuotare,derubate,vuote… ma cio’non accade perche’sono sempre pronta  a ricominciare.ma come faccio a trovare qualcuno che m ama sul serio….?e che non m chieda niente?come?……. l’amicizie e’un motore cosi’grande per cui nn riusciro’mai a prendere la patente,o me l’hanno gia’ ritirata da tempo,per qualche goccietto in piu’….

un attimo e via

non e’un momento facile,e parlo al presente perche’il presente e’fatto nell’attimo in cui stai respirando,vivendo,scrivendo.ed adesso,non e’facile. si,in questo blog scrivo solo quando c’e’qualcosa che non va’,al passato o nell’attuale,perche’come dico sempre se sto’bene sono occupata ad assaporarmi la bellezza,quando sto’male… scrivo.e mi sfogo.

fino a ieri riflettevo sulla mia vita d ora,e mi sentivo felice. non m manca niente.sto’abbastanza bene fisicamente,ho una famiglia che mi ama,un lavoro che mi piace.degli amici che mi appoggiano ed una persona che mi adora,e si sveglia al mio fianco ogni mattina.una vita da regina,perche’e’piena d’amore.ed era una cosa che mi mancava,solo 10 anni fa’,ora il mio sogno e’presente.e cosa voglio di piu’? peccato che poi tutto casca giu’,e non c’e’una serata,uno sguardo complice,un paio di tacchi ed un telefono nuovo,che regge. ci hanno fermato mentre tornavamo a casa,e c hanno tolto la patente per qualche bicchiere di troppo.sara’un anno,o forse meno,o forse piu’. tutto questo l’ho gia’vissuto,e solo 3 anni fa’.l’anno piu’brutto della mia nuova vita. tutto ci e’crollato addosso,e non e’solo lo stupido fatto che non guidi piu’.e’cio’che comporta alle persone che hai affianco.a Sergio in questo caso.la sua liberta’e’stata portata via e tutto ci ha girato le spalle.stava male,lui,dentro,e cio’ha influito in un malessere generale che veniva portato dentro casa,e fuori casa.la nostra relazione pian piano e’andata a puttane… e 3 anni fa’,io mi sono allontanata,lui si allontanato,una persona in particolare si e’messa in mezzo a noi,ed io ho deciso d prendere casa.la nostra relazione era finita. e’stata dura,tutto per una macchina,tutto perche’non siamo stati abbastanza forti nel viverla insieme e con positivita’.e se solo penso al dolore che ho provato in quei mesi,mi si chiude lo stomaco.e per me non avere fame,e’una cosa talmente rara.

ho paura.

ho una paura fottuta di perdere tutto di nuovo.ed oggi,questa domenica,la prima…la prima giornata in cui ti svegli e capisci che qualcosa e’cambiato.e’…e’terribile. ce la caveremo,si vive lo stesso.ma cio’crea in me tante di quei fantasmi,di quei pensieri,di quelle preghiere.perche’non voglio perdere la mia piccola felicita’.

ecco perche’in queste pagine,che tu non leggerai..io t prometto che questa volta ti staro’vicino.che cammineremo insieme,che non m lascero’sedurre dalla felicita’,che ti terro’stretto.che saro’cio’che vuol dire essere una vera compagna.non sei solo,non lo sarai mai. prego Dio,quello stronzo che nomino con odio stupido ogni giorno,lo stesso che ci ha fatto trovare la polizia,prego te per darmi forza,per non farmi mollare. il bello del cristianesimo e’il perdono,e allora perdonami cazzo,e accompagnami tu.forza con un nome di tre lettere,che valgono quanto un punto di domanda….  non so’chi sei,non so’se esisti.ma credo nel rispetto e nell’amore.siamo esseri umani,vogliamo dare un nome a cio’che e’un sentimento?ok.. allora se l’amore e’dio.allora prego dio.

e’una stupidata.e’una macchina,non e’una malattia.. ma certi cambiamenti che t colgono di sorpresa come una mazzata,ti lasciano a terra,ed adesso sento il suo sapore tra i denti. poi ci sara’domani,e poi dopo,e poi dopo.e magari tutto sembrera’una stronzata…. ma continuo ad avere paura di perdere la sua forza,che e’anche la mia….

dono a queste pagine questo mio pensiero……

e spero che buttandolo su una carta del nuovo secolo tecnologico,io riesca a sentirmi piu’leggera.